Malta-Sardegna 4 a 1 anche nel traffico Container

Il Porto Canale di Cagliari e quello di Marsaxlokk, nella piccolissima repubblica Maltese, sono entrambi dei porti hub (snodi portuali logistici), lungo la rotta principale del Mediterraneo, quella che va da Suez, dove passa tutto il traffico mercantile asiatico, a Gibilterra, dove transita invece quello proveniente dall’Atlantico (Nord e Sud America e Africa Occidentale).

l Porto Canale di Cagliari e quello di Marsaxlokk, nella piccolissima repubblica Maltese, sono entrambi dei porti hub (snodi portuali logistici), lungo la rotta principale del Mediterraneo, quella che va da Suez, dove passa tutto il traffico mercantile asiatico, a Gibilterra, dove transita invece quello proveniente dall’Atlantico (Nord e Sud America e Africa Occidentale).

Quello di Cagliari e quello di Malta, proprio per la loro posizione strategica, sono fondamentalmente due importanti porti di transhipment per il traffico container, ossia dei porti dove avviene lo smistamento dei container da navi più grandi a navi più piccole che collegano porti secondari.

Le due strutture portuali, sarda e maltese, hanno caratteristiche simili, e se oggi Marsaxlokk ha spazi leggermente superiori, il Porto Canale ha ancora ampie possibilità di sviluppo di strutture per l’approdo, lo sbarco e la movimentazione dei container.

Come però avviene in altri settori economici strategici, e come abbiamo già scritto in passato, anche nel traffico navale Malta ci surclassa, gestendo un traffico container quattro volte superiore a quello del nostro scalo sardo.

Il traffico container nel Mediterraneo è in continua crescita, secondo le stime si dovrebbe passare dai 14,9 milioni di TEU (l’unità di misura che corrisponde ad un container standard da 6mt) del 2013 ai 17 milioni del 2017.

Considerando che la compagnia marittima leader nel settore è la Mediterranean Shipping Company (MSC), che ha il 25% di questo mercato, e che la stessa è una società svizzera con sede a Ginevra, si può facilmente intuire quanto, creando le giuste e opportune condizioni, potrebbe beneficiare il porto di Cagliari e tutta l’economia da una partnership solida tra Svizzera e Sardegna.

Senza voler considerare poi il potenziale ulteriore rappresentato dal porto industriale di Oristano, che oggi è enormemente sottoutilizzato.

 

Questo è il raffronto tra le due realtà portuali:

Porto Canale - Cagliari 

- Banchine d'ormeggio 1.520 mt (+380 mt esp.)

- Piazzali di movimentazione 400.000 mq (+500.000 mq esp.)

- Fondali 16 mt

- Traffico Container 600.000 TEU

 

Porto Marsaxlokk - Malta 

- Banchine d'ormeggio 2.650 mt

- Piazzali di movimentazione 615.000 mq

- Fondali 17 mt

- Traffico Container 2.400.000 TEU

Scrivi commento

Commenti: 0